Lo scenario normativo


Attualmente la normativa che regola la “salute e la sicurezza sul lavoro” è il D.Lgs.81/08 che ha sostituito il D. Lgs. 626/94 e altre moltissime norme.

La struttura della legge è impostata prima con la individuazione dei soggetti responsabili e poi con la descrizione delle misure gestionali e degli adeguamenti tecnici necessari per ridurre i rischi lavorativi. Alla fine di ciascun titolo sono indicate le sanzioni in caso di inadempienza.

Al testo degli articoli del decreto sono stati aggiunti altri 51 allegati tecnici che riportano in modo sistematico e coordinato le prescrizioni tecniche di quasi tutte le norme più importanti emanate in Italia dal dopoguerra ad oggi.

In ambito legislativo, la denominazione Testo Unico è tra l’altro erronea, in quanto la sicurezza è di competenza concorrente tra Stato e Regioni, ai sensi dell’Art.117 comma 3 della Costituzione Italiana; difatti all’art.1 comma 2 si sottolinea la clausola di cedevolezza di questo Decreto Legislativo, ovvero nel caso in cui un soggetto con competenza in materia di sicurezza (regioni) legiferi in opposizione al D.Lgs. 81/08, esso viene a decadere sul territorio di competenza dell’organo legiferante.

Il D.lgs 81/2008 è stato successivamente integrato dal D.lgs. n. 106 del 3 agosto 2009[1] recante Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Le norme contenute nel cosiddetto “decreto correttivo” sono entrate in vigore il 20 agosto 2009.

HideAlcune parti di questo testo sono contributo di Wikipedia

Gazzetta ufficiale

Add a comment

You must be logged in to comment.

Copyright © Vito Alessandro Leone. Tutti i diritti riservati P.IVA: IT 07861091002

Powered by TheSmartPoint